Flashnews: 24 settembre 2017
Speleologo 35enne del gruppo del Gargano morto in incidente in una grotta del salernitano

Si è spezzata la corda, Roberto Giacobbe di San Marco in Lamis ha fatto un volo di quaranta metri nel vuoto

Martina Franca, ufficio postale: quattro dipendenti vanno, due arrivano. Questo il risultato

Un ex consigliere comunale ed ex dipendente si scaglia contro la gestione del personale di Poste italiane

Ufficio postale di Martina Franca, succursale 1. Giorno “normale”, fila che per le dimensioni dell’ufficio è piuttosto corposa. Troppo. Anche perché a gestirla c’è, praticamente, uno sportello solo. Motivo: due in pensione, uno in aspettativa e una finita addirittura in ospedale nei giorni del grande e insopportabile caldo, insomma sei dipendenti hanno dovuto lasciare quell’ufficio. Chi definitivamente, chi no. Sono arrivati in due. Il saldo è comunque negativo e l’utenza è sempre la stessa, se non in aumento. Come si vada avanti così, mistero. L’ex consigliere comunale di Martina Franca, che è anche ex dipendente di Poste italiane, Antonio Fumarola, nel segnalare questo caso lo definisce una vergogna, riguardante quello che viene offerto ai cittadini e che dipende dalla gestione-riorganizzazione di Poste italiane. A Martina Franca come, verosimilmente, in (quasi) qualsiasi posto d’Italia.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *