Taras
Flashnews: 20 settembre 2018
Sarte pagate un euro all’ora. In Puglia. La denuncia del New York Times che accusa colossi italiani della moda

"Made in Italy, ma a che prezzo?" e condizioni di lavoro paragonate a quelle in India, Bangladesh, Cina e Vietnam


Il sindaco di Taranto scrive al presidente della Repubblica

Caso Ilva, Melucci a Mattarella: è l'appello di un'intera comunità. E parla di percezione di Stato "nemico"

Di seguito il testo della lettera inviata da Rinaldo Melucci, sindaco di Taranto, a Sergio Mattarella, presidente della Repubblica:

Illustrissimo Presidente di tutti gli italiani,

i tarantini, Lei lo sa, hanno pagato un prezzo altissimo per interi decenni al servizio del sistema Paese e della Repubblica.

Le scrivo carico di rammarico ed imbarazzo, interpretando esattamente il sentire della comunità che mi onoro di rappresentare, per stigmatizzare la reiterata mancanza di rispetto, nei confronti delle Istituzioni locali e dei cittadini, da parte di alcuni membri del Governo in carica, che intorno alla vicenda Ilva inaspriscono di continuo i toni in questi giorni, in spregio ad ogni principio di seria e leale collaborazione col Civico Ente, in un clima sociale già molto delicato, nel quale soprattutto il Mise arriva a screditare pubblicamente finanche il ruolo che la magistratura ha nel nostro ordinamento.

Le giunga con queste poche righe l’appello di un’intera comunità, maltrattata, vilipesa, sofferente, che nello scorso mese di settembre ha ricevuto la Sua carezza, ma che oggi sente lo Stato come un nemico pronto a ogni sopruso.

Da Sindaco, sono certo che potrò raccontare ai miei concittadini della Sua rinnovata attenzione, dell’autorevole garanzia che vorrà porre a difesa di diritti costituzionali ed inalienabili di questi duecentomila tarantini, duecentomila italiani.

La saluto affettuosamente,
Rinaldo Melucci


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caso Ilva, Melucci a Mattarella: è l'appello di un'intera comunità. E parla di percezione di Stato "nemico"

">