Taras
Flashnews: 10 dicembre 2018
Dichiarazione universale dei diritti umani, settanta anni fa

Venne firmata a Parigi il 10 dicembre 1948. Amnesty: Italia, gestione repressiva dei migranti


Taranto: azienda dell’indotto Ilva, oggi bloccata dai lavoratori per protesta

Alla Semat non c'è retribuzione con frequenza regolare e le prospettive sono preoccupanti. Il problema è ampio e riguarda l'intero settore degli appalti del colosso siderurgico

I lavoratori della Semat hanno incrociato le braccia stamani. Con la possibilità, peraltro, di tornare all’opera in caso di un documento aziendale, con impegni specifici e concreti, afferma un sindacalista Feneal Uil. Ovvero: pagamento regolare degli stipendi. I circa cinquecento lavoratori di quell’azienda dell’indotto Ilva, da un paio di anni in qua, percepiscono le retribuzioni molto a singhiozzo. Di sicuro c’entra il problema complessivo dell’appalto Ilva, con decine di milioni di euro arrivati con grave ritardo alle aziende impegnate dell’indotto. E cifre tuttora considerevoli che tardano ad essere saldate. Ma non può certo essere l’operaio Semat, o di qualsiasi altra impresa, a pagarne le conseguenze.

C’è poi una questione di prospettiva ed è legata ai tipi di contratti. Si fa sempre più strada il contratto della categoria multiservizi, meno oneroso per le imprese. Così chi mantiene in organico lavoratori con contratti per appartenenti a categorie specifiche, vedi edili, è svantaggiato al momento, ad esempio, di formulare offerte in sede di appalto. Ciò inevitabilmente condiziona l’acquisizione di commesse, a questo si aggiunga lo stop agli ammortizzatori sociali nel giro di qualche settimana e il quadro a tinte fosche è servito. Insomma una stretta sugli ingaggi da multiservizi è quanto dovrebbe avvenire in generale, per riportare a un minimo di normalità la situazione. Ovviamente, la gestione commissariale Ilva deve mettersi in pari con i pagamenti, resta quello il problema prioritario e impellente.

Aggiornamento qui:

Taranto, indotto Ilva: l’azienda paga gli stipendi, fine della protesta | Venerdì mattina assemblea dei lavoratori


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Alla Semat non c'è retribuzione con frequenza regolare e le prospettive sono preoccupanti. Il problema è ampio e riguarda l'intero settore degli appalti del colosso siderurgico

">