Nuova costruzione Divingusto Divingusto
Flashnews: 19 aprile 2019
Az Picerno-Taranto, dopo i tre calciatori all’ospedale finisce in accuse reciproche

Foggia: calciatori rompono maxiuovo di Pasqua

Flashnews: 17 aprile 2019
Elezioni europee, i candidati

LISTE CIRCOSCRIZIONE SUD ITALIA


Capodanno: musei statali gratis. A Taranto, MarTa: “L’arte ti somiglia”

Acquaviva delle Fonti, Sammichele di Bari e Turi: anche oggi la mostra su Salvador Dalì e la Divina Commedia

Di seguito un comunicato dei responsabili del museo archeologico nazionale di Taranto. A seguire il conmunicato degli organizzatori della mostra su Salvador Dalì:
Domenica 1° gennaio 2017 al Museo Archeologico Nazionale di Taranto l’ingresso sarà GRATUITO per tutti in occasione dell’open day “Domenica al Museo” #domenicalmuseo della prima domenica del mese. L’open day dei musei statali italiani di gennaio è stato dedicato dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo al tema “L’arte ti somiglia”. I visitatori sono invitati a scoprire i numerosi volti raffigurati sui reperti del Museo Archeologico Nazionale di Taranto, tra cui il volto di Cefeo (padre di Andromeda) presente sul cratere a volute apulo a figure rosse (410-400 a.C.) – sala XXI del MArTA- che è stato scelto, insieme ad altri volti, per lo spot (link: http://www.beniculturali.it/lartetisomiglia/beniculturali.it/lartetisomiglia) della nuova campagna di comunicazione del MiBACT per promuovere i #museitaliani. Si tratta di un’apertura straordinaria del Museo Archeologico Nazionale di Taranto, solitamente chiuso il primo dell’anno. Quest’apertura straordinaria è resa possibile grazie ad un progetto finanziato dal MiBACT. L’INGRESSO SARA’ GRATUITO PER TUTTI. L’orario di apertura sarà dalle ore 15.30 alle ore 23.30. Il Museo organizzerà attività gratuite di didattica del restauro a cura del laboratorio di restauro del Museo dalle ore 15.30 alle ore 21.30. Si terranno visite guidate a cura del Concessionario “Nova Apulia”: “I capolavori del MArTA” ore 16,30 – 18,00 – 19,30 – 20,30 – 21,00 – 22,00 – con tariffa promozionale di 3,00 euro a persona e gratuito fino a 12 anni. Alle ore 17,00 avrà luogo la visita guidata tematica “ Volti e ritratti”– con tariffa promozionale 3,00 euro a persona e gratuito fino a 12 anni. Possibilità di visite guidate al costo promozionale di 3 euro a persona e gratuito per i minori di 12 anni: ore 10,30, 11,30, 12,30, 16,30, 17,30 e 18,00. Chiusura biglietteria alle ore 19.00, uscita dalle sale rigorosamente alle ore 19.15.

—–

Grande interesse sta suscitando la mostra “Dalì. La Divina Commedia” ospitata dallo scorso 16 dicembre nelle tre sedi di Acquaviva delle Fonti, Sammichele di Bari e Turi. L’immaginario viaggio di Dante nelle cantiche della Divina Commedia rivive nelle tre città attraverso cento xilografie del grandissimo artista del secolo scorso Salvador Dalì. La mostra sarà visitabile anche nei giorni festivi del 1 e 6 gennaio con il seguente orario: 10.30-13 / 16-20.30.
Le tre cantiche di Dante sono distribuite nelle città pugliesi, rispettivamente l’Inferno ad Acquaviva delle Fonti a Palazzo de’ Mari, il Purgatorio al Castello Caracciolo di Sammichele di Bari e il Paradiso nella Chiesa di Sant’Oronzo a Turi.
Si accede con un biglietto unico (7 euro intero), acquistabile presso ciascuna delle sede e consumabile fino al 5 marzo 2017, giorno di chiusura dell’esposizione.

“Dalì. La Divina Commedia” prende il nome dall’omonima serie di xilografie nate dal genio dell’estroso artista spagnolo e ispirate al capolavoro dantesco. Composta da cento opere a colori, firmate, numerate e pubblicate da Les Heures Claires a Parigi nel 1960, “La Divina Commedia” riunisce trentatre trittici, ognuno dei quali è composto di tre tavole riferite rispettivamente al Paradiso, al Purgatorio e all’Inferno danteschi. L’opera fonde simboli, allusioni, magia e allegorie in un connubio perfetto, diventando una delle maggiori espressioni del metodo pittorico “paranoico-critico” caratteristico dell’artista surrealista. Dalì creò questi capolavori nel suo periodo illustrativo migliore e lavorò per quasi nove anni alla realizzazione dei cento acquerelli. In seguito all’esposizione al Musée Galliera di Parigi nel 1960, furono trasposti in altrettante xilografie, dopo quattro anni di assiduo lavoro con il maestro stampatore Raymond Jacquet. Il risultato è eccellente, sia dal punto di vista tecnico che artistico.
Il soggetto della Divina Commedia, illustrato in precedenza da Botticelli, Blake, Bocklin e Doré, diventa per Dalì un viaggio nella memoria della sua poliedrica sperimentazione e rappresenta una summa della propria arte. Il maestro spagnolo ha raggruppato qui vari aspetti della sua ricerca stilistica, dalla cosiddetta “estetica del molle” alla curiosità verso i miti classici, dall’interesse per la costruzione michelangiolesca delle figure al gusto per l’incisione circolare che dona loro una forma dinamica. Come nella Divina Commedia anche nell’opera di Dalì si respira un’atmosfera di grandezza, di ostentazione consapevole del sublime.

La mostra “Dalì. La Divina Commedia, organizzata dalla Società Sistema Museo, si pone all’interno di un più ampio progetto di valorizzazione del territorio, dei suoi beni culturali e paesaggistici che rientra dell’operazione “Opere fuori contesto” del progetto SAC Ecomuseo di Peucetia.

Informazioni: Call center 199.151.123 – callcenter@sistemamuseo.it – www.sistemamuseo.it
Facebook @DaliLaDivinaCommedia – Instagram @daliladivinacommedia

Dali_paradiso2


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Acquaviva delle Fonti, Sammichele di Bari e Turi: anche oggi la mostra su Salvador Dalì e la Divina Commedia

">